Porpora

Solo a fine giornata, prima di calare oltre le montagne, con una luce crepuscolare e intensa, accendeva di porpora le nubi dal basso, trasformandole in tizzoni di brace ardente e rumorosa. Era come avere l’inferno capovolto sulla testa. I pochi televisori sparsi nelle abitazioni dei più ricchi e in qualche bar, non prendevano più il segnale e anche le radio gracidavano su ogni frequenza

continua lettura

Cobalto

Quel mattino mi svegliai con la testa appoggiata sul tavolo al centro della stanza. Sulla tovaglia c’era la bottiglia di vino ancora chiusa, ma il ghiaccio intorno era divenuto semplice acqua in un secchiello. All’altro capo del tavolo i colori erano quasi secchi sulla tavolozza.

continua lettura

Il gatto rosso

Se pensate che aver paura di un gatto possa essere un eccesso, forse è perché non avete conosciuto quello a pelo rosso della famiglia al secondo piano del palazzo in cui abito.

continua lettura